FAIL (the browser should render some flash content, not this).

Le finalitá del d. lgs. 196/03 consistono nel riconoscimento del diritto del singolo sui propri dati personali e, conseguentemente, nella disciplina delle diverse operazioni di gestione (tecnicamente "trattamento") dei dati, riguardanti la raccolta, l'elaborazione, il raffronto, la cancellazione, la modificazione, la comunicazione o la diffusione degli stessi.

Il diritto assoluto di ciascuno sui propri dati é esplicitamente riconosciuto dall'art. 1 del testo unico, in cui si afferma: "Chiunque ha diritto alla protezione dei dati personali che lo riguardano". Tale diritto appartiene alla categoria dei diritti della personalitá.

Il diritto sui propri dati é differente dal diritto alla riservatezza, in quanto non riguarda solamente informazioni inerenti la propria vita privata, ma si estende in generale a qualunque informazione relativa ad una persona, anche se non coperta da riserbo (sono dati personali ad esempio il nome o l'indirizzo della propria abitazione).

Lo scopo della legge non é quello di impedire il trattamento dei dati, ma di evitare che questo avvenga contro la volontá dell'avente diritto, ovvero secondo modalitá pregiudizievoli. Infatti il testo unico definisce i diritti degli interessati, la modalitá di raccolta e i requisiti dei dati, gli obblighi di chi raccoglie, detiene o tratta dati personali e le responsabilitá e sanzioni in caso di danni.

Il nuovo codice non muta la disciplina complessiva della protezione dei dati personali, in quanto la finalitá di questo nuovo testo di legge é quella di razionalizzare il complesso di norme esistenti attraverso lo strumento del testo unico.

 

E-mail: info@progettoscala.it